Posizione geografica

Bookmark and Share

Il Cile occupa la zona sudoccidentale del Sudamerca. Confina a nord con il Perù, a nord-est con la Bolivia e a est con l'Argentina, mentre a ovest e a sud è bagnato dall'oceano Pacifico. Ha un'estensione di più  di 4000 km di lunghezza è circa 180 di larghezza. Il paese ha anche altri possedimenti come  i territori in Antartide e numerose isole, fra cui metà della Terra del Fuoco, l'isola di Pasqua e le isole Juan Fernandez.
La forma stretta e allungata caratterizza il Cile con una varietà incredibile di paesaggi: dagli altipiani desertici del nord (il deserto di Atacama e' considerato, a ragione, l'area geografica più secca del pianeta), alle pianure mediterranee del Cile centrale; dalle verdi distese boschive delle regioni araucane, ai ghiacci della Patagonia cilena e della Terra del Fuoco, sino a giungere alla regione antartica. Oltre a ciò, la naturale barriera che ha consentito a tale paese, nel corso dei secoli, di mantenersi isolato da molte contaminazioni culturali: l' imponente cordigliera delle Ande, che mostra cime oltre i 6.000 metri. Il paese, data la forma stretta e lunga, ha fiumi di corto tragitto e con caratteri di torrente. Bellissimi i laghi delle regioni araucane, tanto da far apparire adeguato il paragone con la Svizzera.  Laghi principali: Buenos Aires 1359 Km² (parte cilena, totale 2240 Km²), Lago Llanquihue 780 Km², Lago San Martin 492 Km² (parte cilena, totale 1013 Km²).